LA BILANCIA PRODUZIONI presenta

Passaggi Segreti
Passaggi Segreti

Palazzo Braschi - una visita molto privata





 
La storia dei Passaggi Segreti

Il 2002 ha visto I viaggi sentimentali cambiare il proprio nome in Passaggi Segreti®.

Si è concluso infatti il progetto de “I viaggi sentimentali”, nato nel 1997 dal felice incontro tra la Fondazione Ippolito Nievo, creatrice dei Parchi Letterari® in Italia, e La Bilancia Produzioni. Tale progetto era impostato con l’obiettivo di partire da un’ispirazione letteraria per scoprire poi un luogo ad essa correlato. Nel corso degli anni la modalità di elaborazione degli allestimenti de La Bilancia si è trasformata fino a prendere una direzione diversa dalla originale: il punto di partenza si è gradualmente spostato sul luogo storico e archeologico. Il patrimonio storico archeologico diventa il vero protagonista, facendo da spunto alla successiva ricerca letteraria e allo spettacolo finale.

La Manifestazione Passaggi Segreti® è stata inaugurata con l’allestimento di ben tre nuovi spettacoli:
- a Villa d’Este di Tivoli - un primo passo verso lo sviluppo della Manifestazione anche nei dintorni e nella Provincia di Roma - con Una festa in giardino;
- al Foro di Augusto con I fasti e le tristezze, evento teatrale e musicale con Ambrogio Sparagna;
- a Villa Pamphili con Imbarco per Citera.

Una festa in giardino

Una festa in giardino ha rappresentato un doppio evento, unico e prezioso nella sua originalità: per la prima volta Villa d’Este, riaperta per l’occasione in orario serale, diventa protagonista di uno spettacolo teatrale itinerante in un percorso snodato lungo le sue stanze e il suo giardino. Passando attraverso la villa, dietro le fontane e le statue, siamo chiamati a partecipare ad una delle meravigliose feste con cui Ippolito d’Este, creatore e mecenate della Villa, soleva intrattenere i tanti cortigiani al suo seguito e passeggiando al suono di versi di autori come Tasso, Ariosto, Cellini, Michelangelo.

I fasti e le tristezze

In I fasti e le tristezze l’imperatore Augusto viene visto come la nuova moralità nei costumi e una nuova razionalità nella politica, mentre Ovidio, a cui si ispirano i testi dello spettacolo, è la dissacrante sensualità, l’esorcismo in versi di un’epoca ingrata verso il suo spirito lirico. In questo viaggio tra le pietre che li videro antagonisti, il Foro si trasforma in un grande teatro dove si narrano quegli aspetti privati e segreti della romanità che l’imperatore aveva cercato di rimuovere, le infinite storie d’amore, i trucchi per corteggiare e conquistare le donne. La Musica allora, arte principe dello spirito dionisiaco e rappresentata da Ambrogio Sparagna e il suo gruppo di organetti, diventa il contraltare indispensabile di questa festa dei sensi, accompagnando passo passo con il suo tourbillon di suoni esuberanti, questo inedito percorso nel Foro di Augusto.

Imbarco per Citera

Uno spettacolo ancora più originale è stato Imbarco per Citéra, comédie-ballet per Villa Pamphili, dove i versi di Ovidio si mischiano a quelli di La Motte, autore settecentesco. Si tratta di una commedia ma con aspetti del dramma, della farsa e della tragedia classica. Da una parte gioca sugli equivoci e i divertimenti della più classica commedia settecentesca, dall’altra si immerge in quella mitologia che continua ad affascinarci fin dall’antichità. Nella finzione che nasconde l’identità reale dei personaggi impariamo a comprendere l’insegnamento di Ovidio, ad ascoltare la storia che sanno raccontare un albero, un arbusto, un fiore.
Dentro il Giardino del Teatro si è svolto anche l’evento musicale della Manifestazione, Materia e Simmetrie, con l’Ensemble di Percussioni Ars Ludi.

Questi tre nuovi allestimenti hanno impegnato, oltre agli autori dei testi originali, uno stesso nucleo artistico e tecnico, la cui caratteristica di continuità rende la realizzazione della Manifestazione di anno in anno più stabile e solida.

Dolce Roma - Una notte in Campidoglio

La Manifestazione inoltre è proseguita in autunno con una nuova rappresentazione ai Musei Capitolini. In Dolce Roma – Una notte ai Musei Capitolini, in un’atmosfera che rende vive e surreali le stanze, le scale e le opere d’arte dei Musei. Giulio, regista senza ispirazione, s’immerge in un viaggio la cui realtà trascolora continuamente nel sogno. In questo percorso fatto di passaggi segreti, che lo condurrà dalla grandezza della Roma antica ai fasti di quella dei papi del Rinascimento, il pubblico, insieme al protagonista, incontrerà un gruppo di stravaganti e ambigui personaggi, della nostra epoca e dell’antichità, costantemente in bilico tra la realtà e la rappresentazione: il saccente intellettuale, la diva viziata, il politico arrogante, il turista straniero, insieme a Lucrezia d’Este, Papa Clemente VIII.


Questo sito utilizza cookie di terze parti (YoutubeWidget,Google Analytics). Continuando a navigare si considera accettato il loro utilizzo. Per ulteriori informazioni
© 2015 Passaggi Segreti® - All rights reserved- LA BILANCIA Soc. Coop. P.IVA 01214091009 via R. Pitteri 58- 20134 Milano | web master: